Sono 51 le finaliste ammesse al programma di accelerazione internazionale di Big Booster di cui la Città di Torino è recentemente diventata partner. Di queste, due sono italiane.

Le due startup si sono candidate attraverso il servizio Servizio Fondi europei e Innovazione della Città di Torino e dovevano avere come pre-requisito la partecipazione a uno dei due programmi di innovazione della città: Torino Social Impact e Torino City Lab.

Si tratta di The Spiritual Machine e Pradella Sistemi srl, con quest'ultima inoltre abbiamo in atto la sperimentazione di Eco Bike. 

Le altre 49 finaliste potranno essere interessate ad espandere il loro mercato anche a Torino ed inserirsi nell'ecosistema innovativo della città attraverso Torino City Lab/Torino Social Impact e il loro partenariato

Le 51 start-up e PMI finaliste provengono da 18 diverse nazionalità e sono state scelte per le loro soluzioni d'impatto in una delle seguenti quattro aree: impatto sanitario, impatto ambientale ed energetico, impatto industriale e produttivo, impatto sociale. Entrambe le italiane rientrano nella categoria dell'impatto ambientale ed energetico.

Delle 51 finaliste 21 sono francesi, di cui 10 dell'area metropolitana di Lione; 8 europee, al di fuori della Francia, (Regno Unito, Italia, Polonia, Svezia, Svizzera); 21 del Medio Oriente e dall'Africa (Tunisia, Marocco, Libano, Giordania, Palestina, Bahrain, Egitto, Iran, Costa d'Avorio, Kenya, Nigeria) e una del Canada.

Le start-up e le PMI selezionate parteciperanno al Booster Camp di Lione  (30 novembre-3 dicembre 2020) dove seguiranno un coaching a distanza intensivo di 4 giorni che include speed-dating con esperti, incontri con svariati mentor e workshop internazionali, in modo da affinare la loro proposta, la loro presentazione e il loro "approccio globale". 

Dopo questo evento le start-up e le PMI vincitrici beneficeranno ancora di un supporto personalizzato fino a maggio 2021.
Questo faciliterà la loro possibile internazionalizzazione negli Stati Uniti (Boston) o in Europa (Lione, Manchester, Torino, Lodz, Francoforte, Barcellona) dando loro le "chiavi" per comprendere questi mercati, mettendoli in contatto con importanti partner e autorità locali.

Anche noi siamo pronti ad accogliere le startup che vorranno esplorare Torino e internazionalizzarsi attraverso l'ecosistema di innovazione tecnologica e sociale della città!